I fondi aperti, così definiti in contrapposizione ai fondi chiusi, sono quelle forme di previdenza complementare:

  • istituite da banche, compagnie di assicurazione, SIM (società di intermediazione mobiliare) o SGR (società di gestione del risparmio);
  • l’ adesione al fondo pensione è, appunto, “aperta”, nel senso che non vi è un ambito predefinito di soggetti, ma possono iscriversi potenzialmente tutti coloro che intendano costruirsi una rendita integrativa della pensione di base, indipendentemente dalla propria situazione lavorativa.

I fondi aperti prevedono la possibilità di aderire sia individualmente che collettivamente (in quest’ ultimo caso, al pari dei fondi chiusi o negoziali).

Devono obbligatoriamente assumere la forma giuridica del patrimonio di destinazione, separato e autonomo, nell’ ambito della medesima società o ente che li ha istituiti, a tutela delle risorse degli aderenti, destinate, appunto, alla sola pensione complementare dei medesimi

(Visited 52 times, 1 visits today)