Guida pensione > Garanzie accessorie

Garanzie accessorie
Le garanzie del comparto garantito
L’aderente che sceglie di aderire ad un comparto di gestione garantito può contare su forme ulteriori di tutela dei propri flussi contributivi, al verificarsi di particolari eventi di rischio.

Esistono due possibilità di garanzia, in termini di risultato/rendimento di gestione:

  1.  conservazione e restituzione integrale del capitale versato;
  2.  restituzione del capitale e corresponsione di un rendimento minimo (dato, cioè, dal riconoscimento di un interesse minimo, a prescindere dai risultati di gestione).
Trova le risposte
Il mondo della previdenza integrativa è un mondo complesso, ti aiutiamo ad avere le idee più chiare.
Quali sono gli eventi per i quali è prevista una garanzia obbligatoria per chi aderisce ad un comparto garantito?
In caso di adesione ad una linea di gestione garantita, le garanzie di restituzione del capitale versato o di rendimento minimo operano obbligatoriamente al verificarsi dei seguenti eventi:
  •  pensionamento (ossia, nel momento in cui deve essere erogata la pensione integrativa);
  •  riscatto per morte (ossia, quando il montante accumulato è riscattato dagli eredi o beneficiari dell’aderente defunto);
  •  riscatto per invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo (ossia, quando il montante accumulato è riscattato dall’aderente per sopravvenuta invalidità);
Quali sono gli altri eventi che possono essere coperti dalle garanzie di restituzione del capitale o di redimento minimo?
Nel caso di adesione ad una linea di gestione garantita, il fondo può prevedere la possibilità di estendere, in via facoltativa, la garanzia di restituzione del capitale versato o di rendimento minimo nel caso si verifichi uno dei seguenti eventi:
  • riscatto per inoccupazione superiore a 48 mesi (ossia, quando l’ aderente riscatta il montante accumulato);
  • scadenza temporale predeterminata (ossia, al sopraggiungere di un certo termine predeterminato);
  • altre ipotesi “di uscita” dal fondo, come anticipazione per spese sanitarie, trasferimento ad altro fondo o tra comparti.
Come funziona la garanzia di “conservazione del capitale”?
Nel caso di garanzia di conservazione del capitale, l’importo garantito è pari alla somma dei contributi netti versati al comparto (cioè, al netto dei costi posti a carico direttamente dell’aderente), inclusi eventuali versamenti provenienti da un altro comparto o altro fondo pensione e i versamenti effettuati per il reintegro delle anticipazioni. In sostanza quanto effettivamente versato dall’ aderente, al netto dei costi.
Come funziona la garanzia "di rendimento minimo"?
Nel caso di garanzia del rendimento minimo, in aggiunta alla conservazione del capitale, l’importo garantito è pari alla somma dei contributi netti versati al comparto (cioè, al netto dei costi posti a carico direttamente dell’ aderente), inclusi eventuali versamenti provenienti da un altro comparto o altro fondo pensione e i versamenti effettuati per il reintegro delle anticipazioni, maggiorata di un tasso di rendimento minimo su base annua (tasso d’interesse annuo composto).
Su che periodo si calcola il rendimento minimo garantito?
Il periodo di riferimento è quello intercorrente tra le due date di valorizzazione utili, vale a dire:
  • dalla data di calcolo dei contributi versati, che determina il valore corrente della posizione individuale;
  • alla data successiva alla verifica delle condizioni che danno diritto alla garanzia (ad esempio pensionamento), che determina l’importo da porre a confronto con il valore della posizione individuale;

Questo per verificare se sussista il diritto o meno alla garanzia, cioè, se vi sia la necessità che la medesima operi o se invece i rendimenti si sono rivelati comunque superiori.

Come si calcola l'importo garantito?
Qualora l’importo minimo garantito (ossia capitale versato maggiorato dell’interesse) risulti superiore alla posizione individuale maturata (risultante al primo giorno di valorizzazione utile successivo alla verifica delle condizioni che danno diritto alla garanzia), la prestazione viene integrata a tale maggiore valore.

Ugualmente, se la posizione effettivamente maturata risulta invece superiore al minimo garantito, la prestazione corrisposta corrisponde a tale maggiore valore. (Viene corrisposto, cioè, un importo superiore a quello minimo garantito in virtù di una posizione individuale maturata superiore, a seguito di rendimenti maggiori).

Per chi è adatto un comparto garantito?
La gestione del comparto garantito è orientata verso titoli obbligazionari di breve durata, e di conseguenza, è più adatta ad orizzonti temporali altrettanto brevi (indicativamente 5 anni).

Da un punto di vista soggettivo, risponde alle esigenze di un soggetto con una propensione al rischio molto bassa o ormai prossimo alla pensione.

Le nostre risposte per la tua previdenza. Il tuo percorso comincia da qui.

Hai bisogno della previdenza integrativa?

Scopri il fondo pensione su misura per te

Hai già un fondo pensione?

Scopri se è quello giusto per te

Hai bisogno di assistenza? Siamo a tua disposizione dal lunedí al venerdí 9.00-12.00 - 14.00-17.00 Email 800 942491

(Visited 250 times, 1 visits today)