53

“La terza età non va considerata come un peso, bensì un’opportunità” ecco quanto emerge dall’articolo pubblicato domenica, 16 dicembre, nella sezione Salute del Corriere della Sera.  Come già più volte evidenziato, anche da noi, gli italiani possono contare su una elevata e sempre crescente longevità. Per tale motivo è sempre più importante perseguire uno stato di benessere, anche per gli anni del post lavoro.  

Oggi, nell’Unione Europea, una persona su cinque ha più di 65 anni e si stima che questa proporzione varierà, arrivando a contare un over 65 ogni tre persone, nell’arco di vent’anni. Si tratta di un esercito di over 65enni ai quali, secondo le stime Eurostat, verrà destinato nel 2040 un quarto delle risorse totali destinate alla spesa sanitaria europea.

Per far fronte a queste stime e garantire una vecchiaia lunga e soprattutto in buona salute il Parlamento Europeo ha presentato il Manifesto europeo per un’europa più sana. Il manifesto indica che, uno dei modi per affrontare al meglio questo trend è di cercare di contrastare il verificarsi delle malattie che più di tutte minacciano il benessere degli over 65enni. Come? Attraverso la previsione di un efficace sistema di prevenzione che deve avere come punto di partenza necessario uno stile di vita sano, da adottare fin dalla giovinezza.

A questo proposito il geriatra dell’Università della Campania, Luigi Vanvitelli, ha precisato che “la longevità è frutto delle scelte di vita e non è mai troppo tardi per cambiare le cattive abitudini. Non fumare, non bere troppo alcol, evitare di essere in sovrappeso grazie a una dieta sana e fare regolarmente esercizio fisico sono le strategie più efficaci per aggiungere qualità agli anni di vita.” Oltre a questi, “un altro fattore importante è rappresentato dall’esercizio mentale” spiega Raffaele Antonello Incalzi, presidente Sigg – Società Italiana di Gerontologia e Geriatria; oltre a leggere, ascoltare musica, andare al cinema o a teatro, i contatti sociali sono essenziali per “mantenersi giovani”.

Per fare fronte a queste nuove esigenze è necessario rivedere il sistema assistenziale offerto dai Paesi e prevedere maggiori servizi per il popolo della silver age.

Un altro modo per ricercare il benessere del domani è quello di adottare un’alimentazione sana, condurre uno stile di vita attivo, ricco di contatti sociali e accantonando per tempo le risorse necessarie a permetterci di mantenere questo stile di vita sano e attivo anche nel post lavoro.

Mettiamo gratuitamente a tua disposizione un consulente per darti tutte le risposte che cerchi

(Visited 20 times, 1 visits today)