53

Il “tempo passa veloce”, quante cose ce lo fanno notare nella vita di tutti i giorni: una vecchia fotografia, una maglietta nell’armadio che ha vissuto fin troppi cambi di stagione. Oggi a ricordarcelo è un articolo del Corriere della Sera dal titolo “nel 2019 il sorpasso sulle altre generazioni: i ragazzi del terzo millennio sono la maggioranza nel mondo”. I nati dopo il 2000, che fino ad oggi ci sembravano un “futuro quasi lontano”, sono diventati il presente e dal prossimo anno ci saranno i primi maggiorenni.

Viene chiamata generazione Z e arrivando a ricoprire il 32% della popolazione globale ha sorpassato quella precedente dei Millennials (1981-2000), detta anche generazione Y.

Quali sono le caratteristiche principali dei teenager di oggi ormai quasi adulti? Inevitabile non pensare a smarthphone e social. Con loro, infatti, sono nati Facebook (2004), Twitter (2006) e Instagram (2010).

Da un punto di vista psicologico, però, sono più morigerati rispetto ai ragazzi del passato. Dagli studi effettuati su questa generazione, infatti, emerge come gli Zeta siano “realisti e autonomi”, rispetto ai Millennials che vengono invece definiti “idealisti e dipendenti”. Del resto, come sottolineato nell’articolo del Corriere, sono cresciuti osservando genitori e nonni alle prese con una delle peggiori crisi economiche della storia. Per questi giovani  “l’incertezza è una certezza” e la consapevolezza  ha preso il posto di chissà quante illusioni.

Che non siano anche più previdenti?

Al momento la loro giovane età non permette di raccogliere questo dato, ma quel che è certo è che gli Zeta, più che mai, saranno chiamati ad esserlo. Infatti, se la popolazione è sempre più longeva, per i nati nel 2000 si prospetta una vita lunga in media più di 80 anni.

Costantemente connessi e altamente tecnologici e innovativi, è molto probabile che avranno dalla propria parte tutti i mezzi per informarsi e tutelarsi. Dal momento, però, che il tempo passa veloce per tutti, teenager inclusi, la generazione precedente, composta da genitori, fratelli, zii potrebbe regalare a questi giovani una fetta di tempo per risparmiare e proteggersi dalle sfide del futuro.

Come? Aiutandoli a costruirsi una pensione integrativa.

Leggi l'articolo "Pensione di scorta: un regalo molto più utile dei soliti giocattoli"

(Visited 110 times, 1 visits today)