1258

Il fondo pensione è uno strumento di investimento di lungo periodo perché finalizzato a garantire una pensione integrativa da affiancare a quella pubblica. Proprio per questo, nel corso degli anni possono cambiare molte cose ma il fondo pensione si adatta via via alle differenti situazioni.

In che modo? Ecco alcuni esempi

Non riesci per un periodo a contribuire: sospendi i versamenti

Una prima evenienza potrebbe essere quella di dover sospendere la contribuzione al fondo pensione perché si è in difficoltà o sopraggiungono momentaneamente altre priorità. Il fatto di poter interrompere i versamenti nell’ambito della previdenza integrativa è una regola anziché un’eccezione prevista solo in certi casi. Basta pensare a quando in situazioni di “emergenza” viene concessa ad esempio la possibilità di sospendere il pagamento delle rate di un mutuo.

Dal momento dell’adesione in poi l’aderente stabilisce in totale libertà quanto versare e con che frequenza, potendo modificare le scelte iniziali nel tempo e in caso di bisogno può sospendere i versamenti senza alcun limite.

Andamento dei mercati: focalizzarsi sempre sull’obiettivo

Il fondo pensione grazie agli investimenti consente di ottenere dei rendimenti che accrescono il capitale accumulato e di conseguenza la pensione integrativa che si otterrà. In certi periodi il mercato può subire alcune normali turbolenze, attraversando anche dei momenti negativi. Si parla in questi casi di oscillazioni della propria posizione accumulata nel fondo pensione. Che fare in questi casi? Innanzitutto occorre rimanere sempre focalizzati sul proprio obiettivo di lungo periodo: la pensione e la sua integrazione.  La previdenza integrativa infatti è uno strumento che proprio grazie al tempo a disposizione compensa le eventuali oscillazioni dando sempre valore ai propri risparmi.

Inoltre, anche in questo caso il fondo pensione si adatta alle diverse esigenze dell’aderente: a seconda dell’orizzonte temporale e del profilo di rischio è possibile scegliere tra diverse linee di investimento, differenziate appunto per il grado di rischio e i conseguenti rendimenti che si possono ottenere. Più la linea è dinamica più è adatta al lungo periodo perché si compensano le maggiori possibili oscillazioni che offrono in cambio rendimenti tendenzialmente superiori. Via via che il pensionamento si avvicina si può passare ad un comparto di gestione più prudenziale.

Il capitale nel fondo pensione: una protezione durante e dopo

Un’altra evenienza molto comune è quella di avere bisogno del capitale accumulato nel fondo pensione prima del previsto e la previdenza integrativa viene incontro anche in questo caso. Due sono le vie:

 

1. richiedere delle anticipazioni di una parte della posizione accumulata per:

  • spese sanitarie (fino al 75% in qualsiasi momento)
  • acquisto o ristrutturazione della prima casa (fino al 75% dopo 8 anni di partecipazione)
  • qualsiasi altra esigenza (fino al 30% dopo 8 anni di partecipazione)

2. riscattare il 50% o il 100% della posizione accumulata per sopraggiunta inoccupazione o invalidità.

 

Il fondo pensione prevede tante altre forme di protezione e flessibilità per l’aderente.

Un aspetto da non sottovalutare mai, in qualsiasi forma di investimento, è poter contare sempre su una consulenza che accompagna nel tempo lungo questo importante e prezioso percorso di risparmio previdenziale. 

Il primo passo è stimare la tua situazione pensionistica.

Fallo online e in pochi minuti iniziando il tuo check up previdenziale

(Visited 4.605 times, 3 visits today)